DEApress

Friday
May 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Festival della Letteratura Working Class 2024, secondo giorno: in marcia!

E-mail Stampa PDF

E allora eccoci, stamane, a guardarlo coi nostri occhi il Festival, tra poesia operaia nelle fabbriche italiane degli anni Settanta e lo stato dell’arte della letteratura working class in Svezia, rigorosamente come da programma (che proseguirà nel pomeriggio con i panorami dell'area romanza prima e anglosassone poi, per finire con l’interessante tavola rotonda su editoria, classe operaia e lotta di classe).

Il piazzale antistante la ex-GKN si va riempiendo (e continuerà a farlo durante tutta la mattinata) mentre salgono sul palco Ferruccio Brugnaro, operaio del Petrolchimico di Porto Marghera e voce poetica chiarissima e riconosciuta del movimento, Giovanni Garancini che è stato il fondatore di Abiti lavoro, una delle riviste simbolo della crescita culturale all’interno delle fabbriche e tra gli operai del nostro Paese, e Sandro Sardella altro poeta operaio, co-fondatore di Abiti lavoro, che arriva dalla Piaggio-Gilera di Arcore («quando la città era famosa per la fabbrica, non per quell’altro che è arrivato dopo!») che hanno tratteggiato, ognuno a suo modo, una storia che a raccontarla bene si tinge di epopea e riguarda anni di lotte, «di lavoro del cazzo e vita di merda» (sempre Sardella) ma soprattutto di percorsi di appropriazione della propria voce, delle parole per capire chi si fosse e per dirlo al mondo, a chi la fabbrica la guardava da fuori ma anche al padrone e per usarle nel conflitto; parole di una consapevolezza nuova. La strada che raccontano fu lungamente accompagnata, in quegli anni, dalla presenza attiva e concreta di coloro che chiamavamo allora gli intellettuali organici (i nostri citano soprattutto Roberto Roversi e poco altro, a dir la verità) e quando alla fine arriva la fatidica domanda dal pubblico: «ma allora che fine hanno fatto? Chi e dove sono gli intellettuali oggi?», il mezzo secondo di imbarazzo è inevitabile: davvero, dove son finiti quelli che stavano se non propriamente dentro le fabbriche almeno accanto agli operai, gomito a gomito con le loro battaglie?ÂÂ È Garancini a spazzare la palla in tribuna: «ma no, ci sono ancora, son sempre là; forse oggi sono un po’ confusi e tendono a prendersi meriti che non sono loro». In realtà, palla in rete e fine del primo tempo; si va negli spogliatoi con nelle orecchie l’eco della potenza dei versi recitati dal palco, delle intonazioni delle voci, della “spoken word” con Sardella che chiosa ancora (sassolino nella scarpa ma bello grosso, chiaramente) sugli intellettuali che «ci hanno sempre snobbato perché forse in fondo pensavano che noi operai puzzassimo un po’ troppo». E si fa subito “salotto intellettuale”, così abbiam capito adesso dove son finiti. Gli intellettuali di oggi.

 

italia copy copy copy copy

 

Secondo tempo con gli svedesi e con un excursus davvero ricco sul panorama letterario working class del suo Paese da parte di Magnus Nilsson dell’università di Malmö che ha esordito spiegando come nel suo paese la letteratura operaia non è affatto una sottocategoria o una riserva indiana come da noi ma anzi sia perfettamente centrale e integrata nel dibattito culturale pubblico. Ha poi iniziato a percorrere la linea del tempo posizionando già nel secolo XIX la nascita di canti (non solo di lotta ma anche di orgoglio operaio, di definizione del proprio stare al mondo) e poesie come prime produzioni letterarie operaie, quando ancora romanzi e opere più ampie erano troppo ambiziose e difficili da maneggiare per la classe, per scrittori non-professionisti e che erano in molti casi anche autodidatti. Il ricercatore ha fatto notare come nella letteratura successiva la narrazione del conflitto sia stata centrale e fondativa: se negli anni '30 del Novecento la tradizione letteraria operaista si consolida, è nel secondo dopoguerra che si afferma una produzione molto critica con la socialdemocrazia svedese imperante che, pur garantendo benessere e buona redistribuzione, era vissuta come troppo stretta per le nuove lotte di quegli anni, soprattutto di taglio marxista. Dopo il riflusso degli anni Ottanta, che ha ovattato il mondo intero, agli esordi del nuovo millennio si è vissuta una sorta di new wave che ha influenzato le produzioni e gli autori più vicini a noi a cominciare dall’altro relatore, Henrik Johansson che ha raccontato soprattutto l’esperienza dell’associazione svedese degli scrittori working class, nata appositamente sia per un agire collettivo di fronte al mercato e ai suoi meccanismi ma anche come incubatrice di nuove voci, di difesa di un filone così importante della produzione letteraria del Paese nordico.

 

SVEZIA copy copy copy

 

Mentre ci si avvia ad affrontare le conversazioni del pomeriggio e poi i due reading serali - fino a che ce ne sarà - cuore e cervello sono già rivolti al corteo programmato alle 19.30 che attraverserà Campi per rimettere al centro del discorso la fabbrica, la vertenza ex-GKN e gli attacchi (o le colpevoli negligenze di chi è sparito dei radar dopo aver spergiurato sostegno e solidarietà) che sta subendo, ricordando anche le altre fragilità di questo territorio colpito solo pochi mesi fa, non ce lo dimentichiamo, da un’alluvione senz’altro catastrofica ma che non è mai, in questo Paese specialmente, frutto del caso…

Ci aspetta un buon pomeriggio; anche in marcia!

E una buona serata.

 

sera

Share

Ultimo aggiornamento ( Domenica 07 Aprile 2024 10:54 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 23 Maggio 2024
DAL 26 MAGGIO AL 21 LUGLIO 2024GIULIANO VANGI: IL DISEGNOa cura di Marco Fagioli e Nicoletta Ossanna CavadiniSpazio Officina, Chiasso[...]Dal 26 maggio al 21 luglio 2024 lo Spazio Officina ospita la mostra GIULIANO VANGI: IL DISEGNO, a cura di Marco ...
Silvana Grippi . 23 Maggio 2024
ph Silvana Grippi
Silvana Grippi . 22 Maggio 2024
   Comune di Firenze Quartiere 2 - Centro Socio-Culturale D.E.A.   XVIII Festival Mediamix Senza confini   Il Centro Socio-Culturale D.E.A. con il Quartiere 2 del Comune di Firenze, è lieto di comunicare l’organi...
DEAPRESS . 22 Maggio 2024
  XVIII Festival Mediamix Regolamento del concorso “Senza Confini” Requisiti di partecipazione: · Copia CD, Pendrive, posta o email · Scheda di partecipazione compilata in stampatello e firmata dall’autore. · Scheda tecnica dell’opera...
DEAPRESS . 21 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo   COMUNICATO STAMPA Nell'occasione sarà presentato il libro “Tiziano Terzani mi disse” di Jacopo StorniTiziano Terzani, serata omaggio nel suo quartiere natale Monticelli (Firenze)Nel ventennale della morte, un even...
Fabrizio Cucchi . 20 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo:"La cultura umanistica all’Università di Firenze, sette maestri raccontati da allievi e colleghiDue appuntamenti in Via Laura martedì 21 maggio nel programma del centenario dell’Ateneo L'eredità di Oreste Macrí, Arnaldo Pizzo...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
Il 6 luglio a Cesenatico mi verrà consegnato un premio: è una biennale arte visiva contemporanea. Due anni fa all'inizio del mio percorso ero alla biennale di Cesenatico con questo quadro, che è rimasto poi esposto tutta l'estate all'hotel Brixton ...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
  Riceviamo e pubblichiamo L’Associazione Novoli Bene Comune e l’Unità di Ricerca “Paesaggio, Patrimonio culturale, Progetto” del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze Invitano la cittadinanza alla present...
Fabrizio Cucchi . 19 Maggio 2024
Il difficile processo di decolonizzazione non può dirsi ancora compiuto. Per non parlare qui dei fenomeni colonialistici che hanno preso piede negli ultimi 30-40 anni, molte aree del terzo mondo sono ancora direttamente sotto il completo e formale co...

Galleria DEA su YouTube