DEApress

Tuesday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Terremoto Centro Italia- dopo 4 anni

E-mail Stampa PDF

118539772_1193472211030655_8337295780320833952_o.jpgIn centro Italia la situazione della ricostruzione dopo il  terremoto è ancora lenta. ph. silvana grippi

 

Cos’è successo in questi quattro anni? 

Il Centro Italia tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017 è stata luogo di distruzione, morte e desolazione per coloro che vi abitavano. La prima scossa avvenne il 24 agosto del 2016 alle ore 3.36. Si contarono quattro forti scosse tellurgiche che interessarono la zona dell’Appennino centrale e le sue regioni: Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. 
Una scossa di magnitudo 6 della scala Richter  che ha avuto epicentro vicino al comune di Accumoli, in provincia di Rieti. L’energia sprigionata dalle scosse ha coinvolto anche le province di Perugia, Ascoli Piceno, L’Aquila e Teramo. Numerosi comuni: Accumoli, Amatrice, Arquata del Tronto furono completamente rasi al suolo. Le persone decedute 299: 237 ad Amatrice (RI), 11 ad Accumoli (RI) e 51 ad Arquata del Tronto (AP). I feriti per cui è stata necessaria l’ospedalizzazione sono state 365.299. In tutto vengono coinvolte circa 600 mila persone in una zona di quasi ottomila chilometri quadrati del cuore montano del centro Italia con 43.623 imprese attive, 25.939 aziende agro-alimentari, 1.939 strutture recettive, 690 scuole.

 Andando a visitare quel territorio mi sono posta le seguenti domande:

Com’è stata gestita l’emergenza e la fase del post terremoto? 
Qual è l’esperienza delle persone che hanno vissuto il sisma e la fase successiva?

 

 

 

 

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 31 Agosto 2020 11:52 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 23 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube