DEApress

Wednesday
Jan 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il popolo kurdo in Turchia

E-mail Stampa PDF

La nascita della Repubblica turca guidata da Mustafa Kemal Atatürk impone un modello di stato a forte impronta nazionalista che esalta la cultura, la lingua e le abitudini turche, mettendo fuori gioco le minoranze presenti nel paese. I kurdi costituiscono il gruppo predominante (circa 20 milioni) della parte sud-orientale della penisola anatolica, occupando una superficie di 230.000 kmq. Il terreno è montagnoso con cime sui 4.000 mt; la neve ricopre il Nord per cinque mesi l'anno, mentre le pianure di Urfa, Mardin e la valle del Tigri sono più temperate. Il tasso di analfabetismo è alto in quanto nel 1924 Atatürk emanò un decreto che aboliva tutte le scuole kurde, oltre a tutte le pubblicazioni in lingua kurda. Di conseguenza, la stamoa kurda circola clandestinamente. Ancora oggi, nella maggior parte dei villaggi, non c'è una scuola elementare e, dove c'è, le classi sono seguite tutte (circa 5) da un unico insegnante, a cui è permesso di parlare solo in turco. Il 72% dei kurdi si occupa dell'agricoltura e dell'allevamento, il 5,5% dell'industria e i restanti del commercio, dell'artigianato e dei servizi. Il sottosuolo è ricco di risorse ma non sono i kurdi a beneficiarne, bensì il governo turco e le potenze occidentali, che sfruttano i giacimenti minerari, in particolare le riserve di cromo: quelle situate nella zona kurda sono le più importanti al mondo.

Da tutti questi dati si comprende come, dall'epoca di Atatürk in poi, sia iniziato un periodo di devastazione culturale e fisica (un vero e proprio genocidio finalizzato alla turchizzazione dell'Anatolia) alla quale i kurdi reagiscono con forme di protesta e lotta partigiana, che vengono contrastate dal governo di Ankara con metodi tra i più disumani che la storia ricordi dai tempi di Hitler.

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 24 Luglio 2019 18:35 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Fabrizio Cucchi . 20 Gennaio 2020
Sabato scorso, un uomo di nazionalità georgiana, V. E. detenuto al Cpr (Centro di Permanenza per il Rimpatrio) di Gradisca d'Isonzo, è morto. Secondo "La Repubblica" (1) era stato arrestato con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, nei giorni ...
Silvana Grippi . 20 Gennaio 2020
 - Agenzia di stampa DEAonlus -    Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  che lotta per i diritti umani e una giusta informazione Crea iniziative,&nb...
Fabrizio Cucchi . 20 Gennaio 2020
Cerchiamo volontari  interessati a creare un laboratorio di videogiornalismo   SCRIVETE A  REDAZIONE@DEAPRESS.COM 
Jo Gabel . 19 Gennaio 2020
Vissi una vera e propria epopea nel 2014/2015. Un falling in love per una serie tv che ebbe del magico. La creò Eric Kripke, assieme a J.J.Abrams, Jon Favreau e la second unit del regista Jeff Wolfe. Giá dopo i primi episodi trasmessi in Italia fui d...
DEApress . 18 Gennaio 2020
  Segnaliamo un articolo dell'ansa:... dal 2018, sono 157 i pazienti in Toscana a cui è stato isolato nel sangue il batterio New Delhi (Ndm). il batterio New Delhi risultava isolato nel sangue di 155 pazienti nella regione. Il nuovo d...
Piero Fantechi . 17 Gennaio 2020
Manifestazione indetta a Prato per il 18 gennaio, Stazione Centrale ore 16.00 "Lo scorso 16 dicembre, a Prato, i lavoratori della tintoria Superlativa – senza stipendio da 7 mesi – hanno protestato contro il mancato rispetto di un accordo...
DEApress . 17 Gennaio 2020
PISA SABATO 8 FEBBRAIO c/o Spazio Antagonista NEWROZ in via Garibaldi 72alle ORE 21:30Il Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud e il Newroz presentano:LA TERAPIA DEL FULMINE lettura concerto del WU MING CONTINGENT<<Lo spettacolo, a cura d...
Silvana Grippi . 17 Gennaio 2020
Film scontati per gli under 30. Entra gratis che si chiama col nome del regista e degli attoriI capolavori di Fellini a 100 anni dallanascita Da Amarcord a La dolce vita, da I vitelloni a 8 e ½. Da lunedì il cinema del grande regista   &n...
Jo Gabel . 16 Gennaio 2020
Diario di una cinemaniaca #3 h 23.00   Il cinema è quanto di più generoso esista e di meno solipsista, perché anche il più piccolo particolare nasce per essere esposto.Non puoi dire di girare per te solo. O sì? Dipende.  Se ti ritieni ...

Galleria DEA su YouTube