DEApress

Friday
May 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La tortura in Italia non è reato: Ascanio Celestini

E-mail Stampa PDF
Cesare Beccaria nel Dei delitti e delle pene scriveva contro la pena di morte. Eravamo del XVIII secolo.
 
Ascanio Celestini scrive sul blog del Fatto quotidiano (http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/26/tortura-diventiamo-civili-votiamo-la-legge/1040231/) che in Italia la tortura non è reato, “ma è un reato secondo la Corte europea dei diritti dell’uomo che ci condanna per l'ennesima volta”. Siamo nel XXI secolo. 
Dunque, ci siamo arrivati almeno teoricamente a comprendere che uccidere un altro uomo per punirlo non è la strada che l'ideale della giustizia deve perseguire. Per quanto riguarda la tortura, invece, no, ancora non l'abbiamo afferrato che infliggere delle pene corporali non deve essere legittimo né la legge deve astenersi dal pronunciarsi da una tale ingiustificabile violenza.
La questione è delicata, perchè se consideriamo che nei carceri per esempio il personale è diminuito, un addetto al penitenziario potrebbe sentirsi tutelato con la legittimazione della violenza su un detenuto che crea disordine nell'ambiente del carcere.
Come distinguere l'atto lecito da quello che esula dal campo della legalità? 
Eppure, sono fermamente convinta che tra le offese più gravi che si possano rivolgere a un proprio simile rientra quella corporale, quella che infligge dolore attraverso la violenza fisica. 
Se la Legge autorizzasse una distorta concezione di “legittima difesa” del pubblico ufficiale, potremmo trovarci nella tragicomica situazione della colonia penale kafkiana, dell'erpice che incide sul corpo del condannato la violazione di quella legge. Un circolo vizioso in cui resteremmo intrappolati, senza che la virtù, la solidarietà (o se vogliamo dirla col lessico cristiano, quello a cui siamo abituati, la carità) potrebbero orientarci nella cura dell'altro, quel comportamento che più di tutti per Heidegger distingue lo stare al mondo autentico dell'essere umano.
Ascanio Celestini spiega con un'argomentazione fattuale la sua opinione, citando il caso di Dimitri Alberti, arrestato dai carabinieri, a Verona e poche ore dopo “in carcere con tre costole fratturate e un ematoma al testicolo sinistro che, secondo i giudici europei appaiono incompatibili sia con una condotta legale dei carabinieri che con la tesi, sostenuta dai militari, che Alberti se le fosse inflitte da solo”.
Quotidiano che riporta la notizia di cronaca è il Manifesto, uno dei pochi dice Celestini che non si lascia distrarre dalla passione italiana per il calcio e mantiene alta l'attenzione sulla giornata internazionale a sostegno delle vittime di tortura. 
Citando l'attore romano, “pare che anche Renzi sia uscito dall’aula del Senato per andarsi a vedere la partita. Adesso speriamo che rientrino tutti per votare una legge contro la tortura che in Senato è già passata, ma deve essere approvata alla Camera. Ce lo chiede l’Onu e ce lo ricorda l’Europa con l’ennesima condanna. (…) Cerchiamo di entrare nel mondo civile”. Con quest'auspicio, ci auguriamo che l'Italia sia sempre meno distratta dai suoi miti, inconcludenti su molteplici fronti.
 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 29 Settembre 2015 16:59 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvio Terenzi . 24 Maggio 2019
LUPO“To the Moon EP” “Slow Big Crunch” - Official HD Chicco Bedogni abbandona il "rumore". Potremmo intitolarlo così un simile viaggio in musica ma rischieremmo di mancare di rispetto al percorso post-rock che lui ha portato avanti con gli AmpRiv...
Silvana Grippi . 24 Maggio 2019
Ecco alcuni stralci del volantino di Fridays For Future Firenze distribuito alla manifestazione dagli studenti Sciopero per il clima e contro le grandi opere a Firenze "Dopo il 15 siamo nuovamente in piazza perché da anni sentiamo parlare di camb...
Fabrizio Cucchi . 23 Maggio 2019
Il sito web della BBC (1) riporta la notizia del ricorso della "Wikimedia Foundation" (la fondazione senza scopo di lucro che "è dietro" alla nota enciclopedia collaborativa on-line Wikipedia), presso la Corte Europea dei diritti umani, contro la Tur...
Silvana Grippi . 23 Maggio 2019
Pompei - Questa foto presumibilmente risale agli anni 50. Il Tempio della Fortuna Augusta dedicato ad una DEA, risale al I secolo a.C., presumibilmente compreso tra il 13 a.C., anno del termine delle campagne di conquista di Augusto ...
DEApress . 23 Maggio 2019
Riceviamo e pubblichiamo: OTEME - Osservatorio delle Terre Emerse e Associazione Culturale dello Scompiglio presentano UN SALUTO ALLE NUVOLEVideo ...
DEApress . 23 Maggio 2019
  Sono davvero salve le Gualchiere trecentesche di Firenze in riva d’Arno? Prestigioso monumento industriale medievale, definito dallo storico Fernand Braudel “il maggiore impianto industriale dell’Europa pre-industriale” (ce lo ha...
DEApress . 22 Maggio 2019
La Galleria DEA e la redazione DEApress da circa un anno hanno provato ad aprire un punto di ritrovo e vendita ma purtroppo non riusciamo a coprire le spese perché rifiutamo la pubblicità. Abbiamo bisogno di aiuto oppure il prossimo mese chiudiamo: s...
Silvana Grippi . 22 Maggio 2019
Programma in preparazione verrà fatto a Villa Romana Firenze
DEApress . 22 Maggio 2019
SGRANA & TRABALLA 2019‪23-24-25‬ MAGGIO TRE GIORNI DI MUSICA e CULTURA POPOLARECENTRO POPOLARE AUTOGESTITO FIRENZE SUD VIA VILLAMAGNA 27A www.cpafisud.org TUTTI I GIORNI CIBO, CONCERTI E SOLIDARIETA' PROGRAMMA   GIOVEDI 23 MAGGIO 20...

Galleria DEA su YouTube