DEApress

Saturday
Aug 17th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La tortura in Italia non è reato: Ascanio Celestini

E-mail Stampa PDF
Cesare Beccaria nel Dei delitti e delle pene scriveva contro la pena di morte. Eravamo del XVIII secolo.
 
Ascanio Celestini scrive sul blog del Fatto quotidiano (http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/26/tortura-diventiamo-civili-votiamo-la-legge/1040231/) che in Italia la tortura non è reato, “ma è un reato secondo la Corte europea dei diritti dell’uomo che ci condanna per l'ennesima volta”. Siamo nel XXI secolo. 
Dunque, ci siamo arrivati almeno teoricamente a comprendere che uccidere un altro uomo per punirlo non è la strada che l'ideale della giustizia deve perseguire. Per quanto riguarda la tortura, invece, no, ancora non l'abbiamo afferrato che infliggere delle pene corporali non deve essere legittimo né la legge deve astenersi dal pronunciarsi da una tale ingiustificabile violenza.
La questione è delicata, perchè se consideriamo che nei carceri per esempio il personale è diminuito, un addetto al penitenziario potrebbe sentirsi tutelato con la legittimazione della violenza su un detenuto che crea disordine nell'ambiente del carcere.
Come distinguere l'atto lecito da quello che esula dal campo della legalità? 
Eppure, sono fermamente convinta che tra le offese più gravi che si possano rivolgere a un proprio simile rientra quella corporale, quella che infligge dolore attraverso la violenza fisica. 
Se la Legge autorizzasse una distorta concezione di “legittima difesa” del pubblico ufficiale, potremmo trovarci nella tragicomica situazione della colonia penale kafkiana, dell'erpice che incide sul corpo del condannato la violazione di quella legge. Un circolo vizioso in cui resteremmo intrappolati, senza che la virtù, la solidarietà (o se vogliamo dirla col lessico cristiano, quello a cui siamo abituati, la carità) potrebbero orientarci nella cura dell'altro, quel comportamento che più di tutti per Heidegger distingue lo stare al mondo autentico dell'essere umano.
Ascanio Celestini spiega con un'argomentazione fattuale la sua opinione, citando il caso di Dimitri Alberti, arrestato dai carabinieri, a Verona e poche ore dopo “in carcere con tre costole fratturate e un ematoma al testicolo sinistro che, secondo i giudici europei appaiono incompatibili sia con una condotta legale dei carabinieri che con la tesi, sostenuta dai militari, che Alberti se le fosse inflitte da solo”.
Quotidiano che riporta la notizia di cronaca è il Manifesto, uno dei pochi dice Celestini che non si lascia distrarre dalla passione italiana per il calcio e mantiene alta l'attenzione sulla giornata internazionale a sostegno delle vittime di tortura. 
Citando l'attore romano, “pare che anche Renzi sia uscito dall’aula del Senato per andarsi a vedere la partita. Adesso speriamo che rientrino tutti per votare una legge contro la tortura che in Senato è già passata, ma deve essere approvata alla Camera. Ce lo chiede l’Onu e ce lo ricorda l’Europa con l’ennesima condanna. (…) Cerchiamo di entrare nel mondo civile”. Con quest'auspicio, ci auguriamo che l'Italia sia sempre meno distratta dai suoi miti, inconcludenti su molteplici fronti.
 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 29 Settembre 2015 16:59 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 15 Agosto 2019
Rassegna Stampa - Bianca Petrisor - 13 agosto alle ore 23:56 - A Brasilia la marcia di oltre 3.000 donne indigene, rappresentanti di circa 100 popoli, contro lo sterminio dei popoli nativi e la distruzione d...
Silvana Grippi . 14 Agosto 2019
Ferragosto al Museo Novecento di Firenze Il museo di piazza Santa Maria Novellarimane aperto al pubblico anche il 15 agosto dalle 11 alle 14 Firenze, 14 agosto 2019 comunicato stampa La cultura non va in vacanza, nemmeno il 15 di agosto. Per...
Silvana Grippi . 13 Agosto 2019
Oggi ricordiamo Simone Camilli - Reporter Agenzia Associated Press  (nato nel 1979 è morto il 13.08.2014) vittima di un conflitto ingiusto!   Simone stava documentando la situazione palesinese con la telecamera, quando è stato inves...
DEApress . 13 Agosto 2019
  FOTO D'ARCHIVIO - Gramsci e i primi confinati arrivati ad Ustica nel 1926   La Mostra sul confino politico a Ustica: un’occasione per un utile esercizio sulla Memoria   Già presentata a Ustica nel 2015, riproposta nel 2016 nel...
Silvana Grippi . 12 Agosto 2019
Il silenzio deve essere rotto dalla commozione per l'Ignobile uccisione di gente che non poteva difendersi. Colpevoli: fascisti e nazisti.  Erano 560 anime - uomini, donne di cui bambini, giovani e anziani. Una strage di cui la memoria deve esse...
Silvana Grippi . 12 Agosto 2019
Rebecca West, pseudonimo di Cicely Isabel Fairfield  nata a Londra nel 1892 e morta nel 1983, era di origine scozzese con un misto irlandese. E' stata una scrittrice e giornalista del XX secolo conosciuta soprattutto per i su...
Silvana Grippi . 12 Agosto 2019
      La strada, la lotta, l'amore Letizia Battaglia, Tano D'Amico, Uliano Lucas Tre grandi temi e tre grandi fotografi in mostra a Castelnuovo Magra, dal 13 luglio al 13 ottobre 2019.-Orario di apertura-luglio e agosto:...
DEApress . 12 Agosto 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
DEApress . 12 Agosto 2019
  L'esercito marocchino invia carri armati e veicoli blindati nel sud del Sahara occidentale per provocare il Fronte Polisario. Notizie Wesatimes L'esercito marocchino reale ha inviato decine di carri armat...

Galleria DEA su YouTube