DEApress

Monday
Oct 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il bullismo

E-mail Stampa PDF

"Un bacio", è così che si combatte il bullismo, così insegna un nuovo film uscito qualche giorno fa al cinema. Tre giovani ragazzi, due maschi e una femmina, tre ragazzi che decidono di creare un'amicizia speciale, dove i pregiudizi e l'odio non esistono, dove ognuno può essere chi vuole, può sognare. Tre ragazzi che sono soli e discriminati, a causa della loro sessualità e delle voci che girano in ogni scuola superiore. Lei considerata troppo facile con i ragazzi, lui troppo scemo e l'altro "frocio". Un film che tratta di un tema conosciuto e molto presente, che porta all'odio verso se stessi, a dei pensieri, che ragazzi non dovrebbero avere. Il bullismo uccide la speranza, la fiducia, la vita, uccide l'ingenuità dei bambini e la voglia di sognare.

E come si fa a combatterlo? Con l'amicizia, come dice il film "sono gli amici che ti salvano".I protagonisti accettano la loro condizione di "sfigati" e vivono insieme, affrontando le difficoltà insieme. Ognuno può essere ciò che vuole, ed è durante gli anni delle superiori, che ogni ragazzo capisce cosa vuole essere e chi è veramente, capisce se stesso. Non esistono etichette, non esistono modi giusti di essere, esiste solo l'individuo. E' importante che i giovani imparino a non aver paura dello loro identità, di quella cosa che rende ogni persona speciale. Il bullismo distrugge tutto questo, la possibilità di poter capire e di voler essere quello che si vuole, combatterlo è difficile, bisogna avere il coraggio di non lasciarsi condizionare dai pensieri o dalle azioni degli altri, senza reagire nello stesso modo, ma cercando di essere superiori e forti. E' importante lottare per le pari oppurtunità.

Il bullo vince solo quando la sua vittima si sente inferiore, si sente sbagliata, non diamo questa possibilità a chi non lo merita!

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 04 Aprile 2016 15:20 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEApress . 26 Ottobre 2020
  Fonte Comunicazioni solidali Il passo del Gargarat è chiuso dalle donne saharawi che offrono datteri e latte. El Gargarat è un punto di passaggio illegale nel Sahara occidentale occupato tra il confine di Mauritania e Sahara occidental...
Silvana Grippi . 25 Ottobre 2020
CROWDFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Centro socio-culturale D.E.A.onlus - FirenzeIBAN IT93Q0760102800000026574509 -  Conto Corrente Postale n° 26574509 (Bonifico)causale: Contributo Centro di Documentazione/Archivio Cari lettori e lettrici&nb...
DEApress . 25 Ottobre 2020
~ ~ ~ ~ ~ ~ Ho capito che non ti voglio solo bene quando dentro a quegli occhi di mare ho scorto i ghiacciai Quando vivendoti in una giornata di sole, ho visto gli acquazzoni che nascondi L'ho capito quando dietro la tua risata ...
DEApress . 24 Ottobre 2020
. Napoli brucia Napoli apre la contraddizione di un virus che esiste, c’è ed è pericoloso ed uno Stato che più che prendere provvedimenti seri ed adeguati è stato per mesi il pane quotidiano dei creatori di meme.Non si può scegliere se morire di fa...
DEApress . 24 Ottobre 2020
Sahara occidentale - Tensione tra Marocco e RASD La “ferita” del Sahara ccidentale, è ancora lungi dall’essere sanata, infatti è di queste settimane la notizia delle crescenti tensioni tra la monarchia Alawita che occupa il territorio e il Fronte Po...
Ni Weijun . 24 Ottobre 2020
Xi Jinping in questo periodo,  è l'uomo più in vista ma anche il più ascoltato nel mondo. Nel suo ultimo discorso ha dichiarato che la terra è di tutti e vuole la pace mondiale e lo ha detto con fermezza affermando anche che sarà attenz...
DEApress . 24 Ottobre 2020
ZONA DI GUERRA PROPONE IL SEGUENTE VIDEO https://zonadiguerra.ch/2020/10/20/la-fine-di-muammar-gheddafi/
Fabrizio Cucchi . 23 Ottobre 2020
Il Presidente del Consiglio, Conte ha ripetutamente affermato di non volere un nuovo lockdown nazionale, ma ha da sempre sostenuto che potrebbe esserci costretto...Una delle particolarità di ogni politico, è l'attitudine a evitare ogni responsabilità...
DEApress . 23 Ottobre 2020
  Pubblichiamo un vecchio articolo di Michele Azzu - Per ricordare: Sgomebero a Bologna Oggi mi sono vergognato di vivere a Bologna.   "Hanno usato i manganelli contro le mamme". Vetri spaccati, e ancora urla: "Pagherete tutti"...

Galleria DEA su YouTube