DEApress

Tuesday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Morto il primo detenuto in Italia per Coronavirus

E-mail Stampa PDF
 
Dopo giorni in cui si dibatte del grave problema del sovraffollamento delle carceri in riferimento al diffondersi della pandemia, ieri all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna è morto per coronavirus il primo detenuto in Italia. Si trattava di un cittadino italiano di 76 anni affetto da altre patologie.
Al momento sono caduti nel vuoto gli appelli del Papa, del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute e della UilPa, sindacato di polizia penitenziaria, ad intervenire subito nelle carceri per evitare che lì si diffonda il virus.
Parliamo, come tutti sanno, di ambienti chiusi e sovraffollati, dove riuscire ad adottare le misure precauzionali di sicurezza è praticamente impossibile.
Le persone oggi detenute in Italia presso istituti penitenziari sono 57.405 a fronte di 48.000 posti disponibili.
Il rischio per i detenuti e per gli addetti al sistema penitenziario è altissimo, sottolinea Gennarino de Fazio della UilPa, ed è necessario altresì evitare che dal carcere possano svilupparsi i così detti contagi di ritorno, che potrebbero far precipitare la situazione in tutto il Paese. Lo stesso de Fazio ha espresso il timore che il contagio nelle carceri possa essere nascosto ed in pieno sviluppo.
Si tratta in sostanza, di due mondi strettamente connessi ed intercomunicanti e di questo bisogna essere consapevoli come anche, prima di tutto, che la vita umana ha lo stesso valore ovunque e per chiunque e che essa va difesa con tutti i mezzi.
Sempre la UilPa invoca che sia la Presidenza del Consiglio dei Ministri ad assumere pro-tempore la gestione diretta delle carceri, almeno sino al perdurare della emergenza sanitaria.
 
Fonti: Repubblica e L’Unione Sarda.it del 02.04.2020

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 23 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube