DEApress

Friday
Jun 05th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Morto il primo detenuto in Italia per Coronavirus

E-mail Stampa PDF
 
Dopo giorni in cui si dibatte del grave problema del sovraffollamento delle carceri in riferimento al diffondersi della pandemia, ieri all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna è morto per coronavirus il primo detenuto in Italia. Si trattava di un cittadino italiano di 76 anni affetto da altre patologie.
Al momento sono caduti nel vuoto gli appelli del Papa, del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute e della UilPa, sindacato di polizia penitenziaria, ad intervenire subito nelle carceri per evitare che lì si diffonda il virus.
Parliamo, come tutti sanno, di ambienti chiusi e sovraffollati, dove riuscire ad adottare le misure precauzionali di sicurezza è praticamente impossibile.
Le persone oggi detenute in Italia presso istituti penitenziari sono 57.405 a fronte di 48.000 posti disponibili.
Il rischio per i detenuti e per gli addetti al sistema penitenziario è altissimo, sottolinea Gennarino de Fazio della UilPa, ed è necessario altresì evitare che dal carcere possano svilupparsi i così detti contagi di ritorno, che potrebbero far precipitare la situazione in tutto il Paese. Lo stesso de Fazio ha espresso il timore che il contagio nelle carceri possa essere nascosto ed in pieno sviluppo.
Si tratta in sostanza, di due mondi strettamente connessi ed intercomunicanti e di questo bisogna essere consapevoli come anche, prima di tutto, che la vita umana ha lo stesso valore ovunque e per chiunque e che essa va difesa con tutti i mezzi.
Sempre la UilPa invoca che sia la Presidenza del Consiglio dei Ministri ad assumere pro-tempore la gestione diretta delle carceri, almeno sino al perdurare della emergenza sanitaria.
 
Fonti: Repubblica e L’Unione Sarda.it del 02.04.2020

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 05 Giugno 2020
Questa mattina ho fatto alcune interviste ai commercianti del mercato di S. Lorenzo. Ecco le testimonianze  NERBONE  è un'attività alimentare di lampredotto, conosciuto grazie alle guide in tutto il mondo. Questo centro è nato nel 1872 den...
Silvana Grippi . 04 Giugno 2020
 Centro socio-culturale D.E.ADidattica-Espressione-Ambiente Via Alfani 16/r Firenze - orario: 10,00 /13,00 – 16,00/19,00 organizza Dal 1 giugno  al  30 agosto  2020 "Libera l'idea" “ Difendiamo la cultura e le sue risorse...
Silvana Grippi . 04 Giugno 2020
DEA iniziative dal 2010 - Pubblicazioni DEA - Okkio ai Muri - Anno XXI n. 1/2 - Gennaio/Febbraio - Opinionista da 20 anni  - Anno XXI n. 3/4 - Marzo/Aprile  - 20 anni di LIBERA ESPRESSIONE - Anno XXI  n. 5/6 - Mag...
Silvana Grippi . 04 Giugno 2020
DEA 2000 -  Pubblicazioni - Fanzine internazionale 1999 - Marzo - presentazione con mostra collettiva - DEA tracce - Anno XII - n. 8/11 -  Progetti 1) Mostre di documentazione fotografiche e grafiche su: a. Geografia umana b. luoghi e...
Silvana Grippi . 04 Giugno 2020
    La DEA (Didattica-Espressione-Ambiente) inizia l'attività il 25 settembre del 1987 in via delle Seggiole 4/8 r con l'intento di collocarsi come struttura creativa, alternativa, stimolo e condivisione verso tutti coloro che hanno ...
DEApress . 04 Giugno 2020
Manifestazione Rom al comune di Firenze         
DEApress . 04 Giugno 2020
    3 giugno 2020 - La manifestazione si è svolta in modo egregio, Sono morti circa 40 giovani  infermieri e chiediamo l'igenizzazione di tutti i luoghi di lavoro e tampone obbligatorio e gratuito per tutti.  
DEApress . 04 Giugno 2020
    Il cinque di giugno, dalle ore 11:30 alle ore 19:30, riapriranno al pubblico i Musei Civici di San Gimignano con la possibilità di visitare, ad eccezione dei mercoledì e giovedì, il Palazzo Pubblico, la Pinacoteca e la Torre Grossa....
DEApress . 04 Giugno 2020
Festival delle Colline, confermata l’edizione 2020 Spettacoli a Poggio a Caiano, Prato e CarmignanoIngresso libero nel rispetto delle disposizioni per l’emergenza coronavirus Il Festival delle Colline si farà. La storica kermesse organizzata d...

Galleria DEA su YouTube