DEApress

Wednesday
Feb 28th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Seconda Edizione del libro "IO E CENCIO"

E-mail Stampa PDF

E' in uscita il prossimo numero

 9788899183417_copy_copy_copy_copy_copy_copy_copy_copy_copy.jpg

Perché una Seconda Edizione D.E.A. del libro "IO E CENCIO -  il movimento degli arditi del popolo "?

Grazie alle numerose richieste pervenute, si è reso necessario ripubblicare il libro IO E CENCIO - Gli Arditi del Popolo dal 1919 al 1923. .

All’inizio non conoscevo la storia degli Arditi del Popolo e leggendo la tesi di Pierluigi Gatteschi, con la preziosa e unica intervista a Vincenzo Baldazzi nel 1976 (dal 1926 al ‘43 è stato al confino), ho imparato una parte di storia (1919-1922) poco conosciuta. Questa seconda edizione ci permetterà nuovi approfondimenti per una comprensione storica attraverso presentazioni, dibattiti pubblici e iniziative didattiche. Per ordinare il ibro: redazione@deapress.com

In sintesi, gli Arditi furono uomini tenaci con idee libertarie (ex militari della Grande Guerra) che si organizzarono come formazioni di difesa popolare. A Roma il 17 giugno 1921, Argo Secondari (ex tenente degli Arditi d’Italia con formazione anarchica) e i suoi compagni diedero vita alla al gruppo eterogeneo degli Arditi del popolo, che riuniva tra le sue file rivoluzionari, anarchici, repubblicani, comunisti e anticapitalisti.

Gli Arditi del Popolo furono tra le prime organizzazioni italiane antifasciste volti a proteggere la popolazione (proletari e operai), dalla violenza squadrista contrastandoli in operazioni da guerriglia. La formazione ebbe l’appoggio dell’internazionale comunista ed annunciata da Lenin sulla Pravda. Tra i vari comunisti, Antonio Gramsci, nei confronti degli Arditi ebbe una posizione favorevole ad un possibile appoggio. Tra gli Arditi del Popolo protagonisti di scontri armati contro i militanti fascisti si ricordano Alberto Acquacalda, Riccardo Lombardi (non iscritto ma partecipante alle azioni), Gaetano Di Bartolo Milana, Giuseppe Di Vittorio e Vincenzo Baldazzi. Nell’agosto 1922, l’evento più importante, fu la difesa del quartiere “oltretorrente” di Parma dallo squadrismo fascista: circa 10milla squadristi fascisti al comando di Roberto Farinacci e di Italo Balbo, marciarono su Parma dopo aver occupato alcuni centri emiliani.

La città presidiata non si arrese dato che gli Arditi del Popolo, comandati dal Deputato Guido Picelli e dall’ex reduce Antonio Cieri e Filippo Corridoni, organizzarono le formazioni di difesa proletaria con la Legione proletaria e la mobilitazione dei quartieri popolari; i fascisti, il 6 agosto, rendendosi conto che non potevano vincere, passarono il controllo dell’ordine pubblico all’esercito e si ritirarono.

Una vittoria breve dato che il 23 Ottobre del 1922 inizia il periodo più nero del fascismo, con la presa del potere e viene dato l’ordine da Mussolini di ripulire le città. L’ultima a cadere fu Torino e come dice Cencio “la trappola fu lo sciopero legalitario che aprì le porte al fascismo ”. Molti ex Arditi furono uccisi e/o finirono al confino; tra il 1936 e il 1939, altri andarono in Spagna per lottare con la popolazione contro le truppe franchiste.

Eccovi alcuni nomi di personaggi collegati e operanti nel "Fronte Unito Arditi del Popolo": Alceste De Almbris, Vincenzo Baldazzi, Errico Malatesta, Ercole Miani, Gaetano Perillo, Guido Picelli, Armando Vezzelli, Dante Corneli, Albano Corneli, Vittorio Ambrosini, Riccardo Lombardi, Giuseppe Di Vittorio, Vittorio Picelli, Umberto Marzocchi, Argo Secondari, Dante Gorreri, Alberto Acquacalda, Antonio Gramsci, Ilio Barontini, Aldo Eluisi, Antonello Trombadori, Ugo Mazzucchelli, Comasco Comaschi, Roberto Barsotti (fondatore degli Arditi a Pisa),.

Si consiglia questa interessante filmografia: Cronache di poveri amanti, regia Carlo Lizzani – Pane e Libertà, regia A. Negri - Il Ribelle, regia G. Bocci – Nella città perduta di Sarzana, regia L. Faccini.

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 09 Febbraio 2023 11:11 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 28 Febbraio 2024
Alessandra Todde non può dare lezioni sulla repressione a nessuno. È stata viceministro dello sviluppo economico nel secondo governo Conte. Sotto quel governo, furono stroncate le rivolte e le proteste nelle carceri del marzo 2020. Tredic...
Silvio Terenzi . 28 Febbraio 2024
Giacomo Casaula"Amore sintetico" "Viola" - VIDEO UFFICIALE Giacomo Casaula torna sulla scena musicale con il suo ultimo lavoro, "Amore Sintetico", un album che esplora le sfumature dell'amore moderno attraverso lenti sintetiche, tessuti sonori e te...
Silvana Grippi . 28 Febbraio 2024
Silvana Grippi . 27 Febbraio 2024
La  Famiglia Langone che vivevano vicino a Bamako e rapita il 19 mggio del 2022, finalmente è stata liberata. 
Silvana Grippi . 27 Febbraio 2024
fo Il 27 febbraio 1976 il Polisario proclama formalmente la Repubblica Democratica Araba dei Saharawi con il governo in esilio in Algeria. . "La Repubblica è stata riconosciuta da 76 stati, principalmente africani e sudamericani, dall' Union...
Silvana Grippi . 27 Febbraio 2024
Nel lavoro di costruzione dell'Archivio D.E.A., abbiamo trovato queste foto e deciso di condividerle con voi.                             ...
Silvana Grippi . 26 Febbraio 2024
Il Centro socio-culturale D.E.A (Didattica-Espressione-Ambiente) lavora come volontariato per organizzare: Convegni, Forum e Dibattiti sui problemi socialmente utili.  Denunce socio-ambientali. Propone Mostre di Artisti e Fotografi.&...
Silvana Grippi . 24 Febbraio 2024
Manganellate agli studenti - La redazione DEApress esprime la solidarietà ai giovani studenti che sono stati rincorsi e picchiati mentre manifestavano dissenso. Siamo in un momento reazionario e insofferente verso ogni manifestazione contro il pote...
Silvana Grippi . 24 Febbraio 2024
la Repubblica Milano - Recensiamo questo articolo di Giorgia Notari    Una macchina rossa, devastata da chicchi di grandine, porta sul cofano la scritta “Climate change doesn’t exist”.E’ quella che campeggerà nei ...

Galleria DEA su YouTube