DEApress

Friday
May 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Da fiorentino eccovi alcuni detti fiorentini

E-mail Stampa PDF

Oggi, in un momento di forte tensione dell' umanità per le due guerre non più locali ma regionali, ( Ucraina e Medio oriente) dirottero' su argomenti di distrazione. I famosi Detti Fiorentini. Firenze è forse la città italiana con i Detti popolari come esempio di vita, più famosi e conosciuti di Italia.

Ne scriverò tre, famosi in tutta la penisola, come esempio anche se sono tanti e di varie epoche: alcuni Detti ne conosciamo la nascita, il perché, e la provenienza, altri no completamente ma possiamo fare svariate ipotesi. Il più famoso a Firenze è £,"..o Bischero",...o meglio.."..non fare il Bischero". Cioè..sciocco! Come periodo storico ciò deriva da molto lontano . Dalla famiglia dei Bischeri, che si pronuncia diversamente dalla parlata attuale. La e è accento aperto e non chiuso. I Bischeri erano una ricca famiglia di Firenze nel periodo del undicesimo e dodicesimo secolo. Forse la famiglia che possedeva più ricchezza immobiliare di Firenze. Avevano di proprietà intere aree, tutto o quasi tutto via del Oriuolo ,e via del Proconsolo, e tutta l'area della piazza del duomo attualmente. Le costruzioni in quel periodo non erano completamente di pietre e calce ma molto legname. C'era in quel periodo (1100 circa) dove ora sorge il palazzo del Arcivescovato, tra piazza San Giovanni e piazza del Olio, una piccola chiesa, santa Reparata, e la chiesa apostolica romana di quel periodo voleva costruire a Firenze una grande cattedrale come stavano crescendo altre cattedrali maestose in tutta Europa. Quello che poi diventerà il Duomo di adesso. Ma avevano (i preti) bisogno di comprare area per costruire una grande chiesa. E l'area era proprietà della famiglia dei Bischeri.

I preti o ecclesiastici o vescovi o cardinali, come le vogliamo chiamare, si rivolsero alla famiglia Bischeri per fare proposte di acquisto. Non estortive ma del vero valore del terreno. Pagavano profumatamente ogni metro quadro. I Bischeri oltre ad essere ricchi, erano arroganti. Il loro motto era,- Noi Compriamo Solo, Mai Vendiamo-!. Un giorno in Firenze, ci fu un grande incendio, stile Nerone. Tutte - o quasi tutte - le proprietà dei Bische'ri presero fuoco .  I Bische'ri da un giorno al altro improvvisamente si trovarono in miseria, e fallimento. Sparirono da Firenze, non si sa piu niente di che fine hanno fatto. Scapparono. E la gente Fiorentina che conosceva la storia della offerta dei preti, pensavano che erano stati loro ad incendiare il tutto. La verità è sempre in mezzo. Chi dice un fulmine, chi i preti. Tradotto, un fulmine mandato da Dio. NON FARE LA FINE DEI BISCHERI,..Oh BISCHERO! 

Altro detto. BUCAIOLI, CI SONO LE PASTE. questo detto è facile da conoscere la provenienza storica. Erano i renaioli del Arno che facevano le buche di drenaggio al fiume, e al momento che le loro spose o compagne portavano le pastasciutte al pranzo, sempre uno di vedetta, chiamava gli altri per smettere di bucare il fiume, c'era la sosta. Altro detto conosciuto in tutta Italia ma nato a Firenze quando arrivarono i piemontese che i Fiorentini chiamavano anche Buzzurri, il detto è -PIOVE GOVERNO LADRO!  -  e qua le fonti storiche sono diverse. Perché una volta c'era una manifestazione e cominciò a piovere e i tre rappresentanti mazziniani del governo fecero buca. Ma ce ne è una più sostanziosa.
Il governo sabauda mise una tassa governativa per sostenere le spese, come fanno adesso, sul esposizione delle grondaie e tetti. Allora i costruttori cominciarono nuove costruzioni con riduzione di grondaie e tetti. Prima quando si camminava per le tipiche stradina di Firenze centro storico, quando pioveva la gente poteva camminare senza bagnarsi perché i palazzi avevano tettoie ampie basta vedere il Palazzo Davanzati .Dopo non era più così. E quando pioveva, quando camminavi......
PIOVE GOVERNO LADRO!

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 18 Aprile 2024 17:50 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 23 Maggio 2024
DAL 26 MAGGIO AL 21 LUGLIO 2024GIULIANO VANGI: IL DISEGNOa cura di Marco Fagioli e Nicoletta Ossanna CavadiniSpazio Officina, Chiasso[...]Dal 26 maggio al 21 luglio 2024 lo Spazio Officina ospita la mostra GIULIANO VANGI: IL DISEGNO, a cura di Marco ...
Silvana Grippi . 23 Maggio 2024
ph Silvana Grippi
Silvana Grippi . 22 Maggio 2024
   Comune di Firenze Quartiere 2 - Centro Socio-Culturale D.E.A.   XVIII Festival Mediamix Senza confini   Il Centro Socio-Culturale D.E.A. con il Quartiere 2 del Comune di Firenze, è lieto di comunicare l’organi...
DEAPRESS . 22 Maggio 2024
  XVIII Festival Mediamix Regolamento del concorso “Senza Confini” Requisiti di partecipazione: · Copia CD, Pendrive, posta o email · Scheda di partecipazione compilata in stampatello e firmata dall’autore. · Scheda tecnica dell’opera...
DEAPRESS . 21 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo   COMUNICATO STAMPA Nell'occasione sarà presentato il libro “Tiziano Terzani mi disse” di Jacopo StorniTiziano Terzani, serata omaggio nel suo quartiere natale Monticelli (Firenze)Nel ventennale della morte, un even...
Fabrizio Cucchi . 20 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo:"La cultura umanistica all’Università di Firenze, sette maestri raccontati da allievi e colleghiDue appuntamenti in Via Laura martedì 21 maggio nel programma del centenario dell’Ateneo L'eredità di Oreste Macrí, Arnaldo Pizzo...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
Il 6 luglio a Cesenatico mi verrà consegnato un premio: è una biennale arte visiva contemporanea. Due anni fa all'inizio del mio percorso ero alla biennale di Cesenatico con questo quadro, che è rimasto poi esposto tutta l'estate all'hotel Brixton ...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
  Riceviamo e pubblichiamo L’Associazione Novoli Bene Comune e l’Unità di Ricerca “Paesaggio, Patrimonio culturale, Progetto” del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze Invitano la cittadinanza alla present...
Fabrizio Cucchi . 19 Maggio 2024
Il difficile processo di decolonizzazione non può dirsi ancora compiuto. Per non parlare qui dei fenomeni colonialistici che hanno preso piede negli ultimi 30-40 anni, molte aree del terzo mondo sono ancora direttamente sotto il completo e formale co...

Galleria DEA su YouTube