DEApress

Thursday
Aug 11th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Conferenza Le stragi antifasciste - ordine giornalisti

E-mail Stampa PDF

293239833_1672865206424684_3382728745095170279_n.jpg

Foto - Credit Silvana Grippi

 

Giovedì 7 luglio si è svolta, all'auditorium Spadolini, presso il Palazzo del Pegaso, la conferenza organizzata dall'ordine dei giornalisti, dal titolo dedicata alle stragi nazifasciste. Molti gli interventi: alle ore 10.25 la conferenza è stata aperta da Isabella Insolvibile (storica della Fondazione Museo della Shoah, Roma); poi è stato il turno di Gianluca Fulvetti, professore di storia contemporanea dell'Università di Pisa; dopo una breve pausa, la conferenza ha continuato con Fabio Dei, Antropologo culturale dell'Università di Pisa, per finire con Carlo Gentile, professore dell'Università di Colonia.

Questo tema ha una particolare rilevanza per la città di Firenze (e la Toscana in generale). Infatti la nostra regione, insieme all'Emilia Romagna, è stata vittima del maggior numero di violenze contro i civili (più di 4000 le vittime). Perciò, mantenendo tuttavia un atteggiamento, dal punto di vita politico e ideologico, superpartes, un grazie è dovuto ai molti dei giovani di quei tempi che si sono sacrificati, ribellandosi alla dittatura fascista e all'occupazione nazista.

Ove c'è un regime totalitario, la libertà è assoggettata al potere; quindi, in qualche modo, non ha la possibilità di essere esercitata dal cittadino, il quale soffre, da questo punto vista, di un suo diritto inalienabile e fondamentale. Ma grazie al coraggio di molti di quei, oramai, lontani tempi, l'Italia - e l'Europa in generale - è riuscita a liberarsi da quelle immense catene, dando un messaggio ai posteri: << Che il nostro sacrificio non venga dimenticato! >>

 

Luca Vitali Rosati, Silvana Grippi

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 15 Luglio 2022 12:08 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

simone fierucci . 09 Agosto 2022
Si è spento ieri all'età di 60 anni il regista, autore e attore  teatrale Andrea Di Bari. Organizzatore di eventi in collaborazione con la Fondazione Toscana Spettacolo, è stato uno dei più attivi protagonisti della cultura italiana e nello spec...
Silvana Grippi . 05 Agosto 2022
ONLUS e L'AGENZIA DI STAMPA D.E.A.press COME ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO  AUTOPRODUCONO ARTE, ARTICOLI E FOTOGRAFIE  LAVORANO FREE PER IL BENE COMUNE DEAPRESS HA RAGGIUNTO  ad oggi 5/8/22 ore 12.30 - Tot. visite contenuti:...
Silvana Grippi . 05 Agosto 2022
  RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO Al via dal 2 SETTEMBRE la XXIX edizione di FABBRICA EUROPA! · 22 giorni di spettacolo · 12 spazi ·  27 eventi · 11 proposte internazionali ·&...
DEAPRESS . 04 Agosto 2022
    Eccoci nuovamente! Siamo giunti alla sedicesima edizione del concorso "Mediamix", indetto dal Comune dei Firenze con l'aiuto dell'associazione Didattica-Espressione-Ambiente. Anche quest'anno, il Festival ha un sottotitolo "tracce...
Silvana Grippi . 04 Agosto 2022
"PROGETTO SAMIRA" Il Centro D.E.A.onlus Didattica Espressione Ambiente di Firenze promuove il "Progetto “Samira”: vi invitiamo a partecipare con un contributo ai nostri progetti - Banco Posta IBAN IT93 Q076 0102 8000 0002 6574 509 intestato Cen...
DEAPRESS . 04 Agosto 2022
  RICEVIAMO e PUBBLICHIAMO   "CRACKING ART. STORIES" SI SPOSTA A TRAPANI E MOZIA DOPO IL SUCCESSO A PALERMO Cracking Art. StoriesDurata: fino a domenica 11 settembre 2022Dove: Villa Regina Margherita e Torre di Li...
Silvana Grippi . 04 Agosto 2022
Riceviamo e pubblichiamo  INCONTRI D’AUTORE A LAVARONE (TN) Presentazione del libro IL PERICOLO NUCLEARE IN UCRAINA di Piergiorgio Pescali Domenica 7 agosto, ore 17.30, piazza del municipio di Lavarone (TN) Quanto è reale...
DEAPRESS . 04 Agosto 2022
Ho letto la storia di Francesco Mastrogiovanni, anarchico morto per un tso (trattamento sanitario obbligatorio) presso l'ospedale di San Luca a Vallo della Lucania.  Quello che mi ha colpito della sua storia - oltre il trattamento che gli è sta...
Fabrizio Cucchi . 03 Agosto 2022
Delle cosiddette "istituzioni totali" nessuno parla più. Eppure continuano ad esistere, ed a essere luoghi orribili, proprio perché lo scopo di molte di esse è appunto la segregazione e la reclusione. Abusi e quant'altro arrivano di conseguenza...Il ...

Galleria DEA su YouTube