DEApress

Tuesday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Gesti

E-mail Stampa PDF
Mi guardano. 
Anch'io li osservo.
Sono discreti. Quando incrocio i loro occhi, abbassano lo sguardo. Non sono invasivi.
Pensavo di non suscitare curiosita' in questo Paese, invece ho scoperto che i cinesi sono piu' curiosi di me.
In treno, li studio. E loro studiano me. A volte li sento dire sottovoce "mei guo". Pensano che sia americana, e cosi', orgogliosa di aver capito una parola cinese, gli rispondo "yidali" per fargli capire che sono italiana. Si scioglie il ghiaccio e sui loro volti vedo apparire un sorriso e iniziano a farmi delle domande.
Se chiedo un'informazione in inglese al passeggero che sta di fronte a me, se anche non capisce, ce  ne sono altri nel vagone che si fanno avanti per darmi una mano.
A volte pero' la conversazione e' fatta di gesti.
L'altro giorno, sull'autobus che dalle Grotte di Yungang mi riportava a Datong, una signora seduta davanti a me, mi guardava. Parla, si consulta con altri passeggeri accanto a lei, osservando il mio volto e le mie scarpe numero 43, e poi timidamente mi chiede qualcosa, ovviamente in cinese. Io non capisco e allargo le braccia. Lei ci riprova.  Niente. La conversazione non decolla, ma lei non demorde.
Ci riprova ancora. Mi sento impotente. Allora decide di provare con il linguaggio del corpo: nell'indirizzare il suo sguardo verso di me indica con la mano, prima un signore e poi una ragazza che presumo essere sua figlia. Continuo a non capire. Ripete altre due volte quei gesti. 
Alla fine, ho l'intuizione giusta e cosi', con l'indice della mano le indico la ragazza. Lei e tutti gli altri sorridono e forse qualcuno di loro puo' darsi che sia rimasto stupito. 
Si chiedevano tutti quanto se fossi un uomo o una donna.
Per le operazioni piu' complesse, come ad esempio comprare il biglietto del treno, mi avvalgo dei pizzini. Chiedo a qualcuno dell'albergo o  a qualche ragazzo in treno, di scrivermi in cinese su un foglietto destinazione, giorno, mese, ed ora e cosi' arrivata allo sportello, lo passo all'impiegata che prontamente mi consegna il biglietto.
Quando sono per strada, soprattutto nelle citta' turistiche come quella in cui mi trovo adesso, Pingyao, alcuni turisti, cinesi, che poi sono la stragrande maggioranza, mi chiedono di posare con loro per una foto. Sono soprattutto ragazze. Io accetto e loro
felici mi ringraziano e mi regalano un sacco di sorrisi. 
Mi chiedo sempre se pensano di essersi fatte ritrarre con un bel giovanotto americano o con una infreddolita signora italiana.

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 23 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube