DEApress

Saturday
Apr 04th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Beatrice Venezi o dello spiegare la musica classica

E-mail Stampa PDF

Capalbio è un luogo ameno, si direbbe un posto in cui idealmente si possono presentare libri. Ha una piazzetta che è un incanto. E da diversi anni l'interesse romano dell'editoria ha preso come punto di riferimento proprio quella piazzetta che rimanda a ricordi zeffirelliani. A Capalbio abbiamo ascoltato la presentazione del volume di Beatrce Venezi "Allegro con fuoco". Con lei a fare il coro vi erano la conduttrice GIulia Cerasoli e poi l'ex ministro Mariastella Gelmini e Andreé Ruth Shammah. Letture a cura di Elisabetta Pellini. Il punto del libro e della sua autrice la direttrice d'orchestra Beatrice Venezi è come trovare un modo per rendere la musica classica un punto di innamoramento. Ci sembra di leggere un libro di Morelli sulla psicologia spiegata al popolo, quelli per intenderci che escono con Riza. Ebbene dispiace scriverlo ma la Venezi probabilmente non ha ben chiaro che qualsiasi musica, qualsiasi genere (anche la trap genere abbastanza detestato dall'autrice che mal lo definisce) non ha necessità di esser spiegato e quanto meno semplificato. Lei cita le lezioni televisive che teneva in America Leonard Bernstein (edite in italia in una serie di dvd della Repubblica). Il direttore d'orchestra americano e compositore e pianista, non ha mai cercato di rendere la musica classica qualche cosa da spiegare semplificando, anzi, basti solo l'esempio della partitura "umana" di Beethoven, trattava con enorme rispetto quel linguaggio cercando anzi di riempirlo ancora di più di significati e di significanti. Ma Bernstein era americano. La Venezi che è italiana di Lucca invece pensa che bisogna "innnamorarsi" della musica classica, vista come un drago, un mostro da "La bella addormentata nel bosco". In questo variopinto contrappunto intervengono le nobili voci della Gelmini (che esalta l'istituzione dei licei musicali) e della Ruth (che ricorda più volte il maestro della Venezi e suo grande amico, Piero Farulli). Alla resa dei conti, grande colpa della poca fruizione della musica classica la si deve all'istruzione pubblica, al flauto dolce e a quelle professoresse di storia della musica che non sanno  distinguere Wagner da Wagner stesso. Forse non esiste modalità per spiegare la musica, forse la musica va solo ascoltata. Forse. Ma possiamo sbagliare. Nel contempo Capalbio è un posto bello. E questo non è necessario spiegarlo.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Stefania Parmigiano . 04 Aprile 2020
La discussione sulla necessità di prevedere uno scudo penale per gli operatori socio-sanitari, in relazione al loro operato durante l’emergenza Covid-19, ha prodotto la richiesta di emendamenti al decreto legge cosiddetto Cura Italia, in considerazio...
Silvana Grippi . 04 Aprile 2020
Associazione DEAonlus    Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  gratuita e al servizio di coloro che lottano per i diritti umani e per una giusta informazione. Crea...
DEApress . 04 Aprile 2020
"Il Corona virus ha uccisola libertà e compromesso il libero pensiero" Giuseppe Grippi (1923)
DEApress . 04 Aprile 2020
Dialogando in redazione Correva l’anno 1960 quando il maestro Manzi, in un programma del tardo pomeriggio, faceva lezioni della lingua italiana contribuendo così alla scolarizzazione - seppur presente con la scuola dell’obbligo – a una maggiore comp...
Fabrizio Cucchi . 03 Aprile 2020
Certi oggetti diventano "simboli" di un'epoca. Io temo che il simbolo di questo drammatico momento, oltre alla mascherina, sia il drone. Qualcosa di non umano, di un pò inquietante....Persino in Tunisia c’è una sorta di versione locale di “questi agg...
Silvana Grippi . 03 Aprile 2020
 
DEApress . 03 Aprile 2020
  Dopo giorni in cui si dibatte del grave problema del sovraffollamento delle carceri in riferimento al diffondersi della pandemia, ieri all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna è morto per coronavirus il primo detenuto in Italia. Si ...
Marco Ranaldi . 02 Aprile 2020
Di seguito la seconda parte dell'intervista a Maurizio Spaccazocchi. E i bambini ai tempi dello smart come interagiscono con la musica? Hanno trovato, un buon “trastullo” che più di altri, li sta imprigionando nella mentalità musicale negativa che ...
DEApress . 02 Aprile 2020
Riflessione tra due amici: Uno scenario. come quello che è presente, in questo momento a livello mondiale non ha, forse, precedenti nella storia dell’umanità. L’epidemia che il 2020 ha sviscerato, in tutto il globo, oltre agli effetti sanitari mostra...

Galleria DEA su YouTube