DEApress

Thursday
Apr 02nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Beppe Dettori & Raoul Moretti: tra tradizione e futuro

E-mail Stampa PDF

Beppe Dettori & Raoul Moretti
“S’INCANTU E SAS CORDAS”

COVER DETTORI

Disco di pregiata fattura e di infinite visioni spirituali questo nuovo lavoro che il grande Beppe Dettori realizza con l’arpista italo-svizzero Raoul Moretti. Si intitola “S’INCANTU E SAS CORDAS” ed è un viaggio tra le antiche tradizioni che si mescolano a suoni e a fantasie del futuro digitale, tra le derive di arpa elettrica, beat-box, canto con tecniche gibberish… il tutto in bilico alle radici sarde, celtiche e sudamericane. Non è facile raccontarlo, par divenire più un’esperienza che un semplice ascolto. Composizioni che si sviluppano e che non promettono soluzioni prevedibili. Profondissima quiete sicuramente, dietro il DNA di queste chimiche spirituali.

Un disco quasi mistico e surreale. Avete attinto da quali e quante culture oltre alla tradizione sarda?
In primo luogo dalla produzione di Maria Carta, quindi dalla tradizione Sarda. Ma abbiamo cercato di contaminare a modo nostro, introducendo più mediterraneo a tratti e overtoones mongolo-tuvano. Incontri fra isole come Cuba e Sardegna. Grammi di Irlanda per condire L’ave Maria sarda e renderla più popolare, laica.

Quanto spazio avete concesso alla sperimentazione?
Bè non abbiamo un peso o una misura per attribuire spazi alle improvvise sperimentazioni. Diciamo che ci muoviamo su strutture sulle quali è possibile contaminare senza il timore di dissacrare tradizioni.

In alcuni casi avete edulcorato o forse trasgredito ai dettami della tradizione rivestendoli di un futuro elettronico… non è così?
Si! Questa è un po’ la nostra missione, che può sembrare irriverente verso la tradizione, appunto, ma dal nostro punto di vista e anche quello di Maria Carta, è un tentativo per uscire da un mood sclerotico e ripetitivo. Ulteriore opportunità quella di miscelare folk e rock per allargare un genere di nicchia come il folclore con generi e suoni contemporanei.
Dall’incontro dei nostri percorsi sonori di ricerca individuali in un continuo dialogo negli anni è nata l’alchimia del nostro sound, che è un aspetto a cui teniamo molto. Il suono del duo con le sue sfumature multiple, anche elettroniche dell’arpa, è la nostra cifra stilistica insieme alla contaminazione.

E se si… è stato secondo voi un affronto nei confronti dei puristi del genere?
Si e No, è possibile che alcuni “puristi” apprezzino lo sforzo creativo e non avvilente che cerchiamo di produrre, come invece possiamo sembrare troppo sfrontati nel cambiamento di strutture tradizionali.

Come ti sei trovato a dialogare con uno strumento così particolare?
Se chiedi a me (beppe) accolgo il dialogo con lo strumento ma soprattutto col musicista, Raoul Moretti, che è una persona straordinaria oltre ad essere un musicista eccezionale. Ogni volta è un viaggio, un ispirazione continua, molto stimolante…quindi mi trovo magnificamente, con arpa e arpista.

A chiudere: ci sarà un video ufficiale di questo progetto?
Abbiamo realizzato 8 tracce di (IN)CANTO RITUALE registrando audio e video come fosse un concerto, in uno studio in sardegna a Ottava, provincia di Sassari, praticamente scavato nella roccia. Quindi abbiamo realizzato 8 videoclip, più un bonus track dedicato a Maria, (ma questa è una sorpresa), il progetto è prodotto da Undas edizioni musicali con il contributo della Fondazione Maria Carta.

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 28 Febbraio 2020 15:10 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Marco Ranaldi . 31 Marzo 2020
Con questa prima intervista intendo portare all'attenzione del lettore quello che diversi uomini di intelletto mi hanno detto. Si tratta di una sorta di memoria collettiva di questo tempo, una necessità di narrare attraverso una visione metalinguisti...
DEApress . 31 Marzo 2020
    Vedere in questi giorni le strade cittadine di una Italia isolata e abbandonata è una immagine desolante che, per quanto necessaria, anticipa e determina una crisi nella crisi. Una economia nazionale già penalizzata da sacrifici e lim...
DEApress . 30 Marzo 2020
Riceviamo e pubblichiamo dal Csa Next-Emerson: "NON C’È NESSUNA GUERRA… …a parte le solite. La retorica di guerra che caratterizza la questione corona virus rende la realtà confusa, edulcorata, pericolosa.La guerra è una situazione nella quale le p...
DEApress . 30 Marzo 2020
Silvana Grippi . 30 Marzo 2020
  Ecco una foto fatta da Francesca Dari durante un reportage in Tunisia per le elezioni di ottobre 2011. Andammo speranzose per vedere un popolo in festa, invece.....Ennahda ottenne 52 seggi sui 217 e ancora oggi mi domando perché, in quanto ...
Silvana Grippi . 28 Marzo 2020
Associazione DEAonlus  L'  Agenzia di stampa  deapress è gratuità   Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  a servizio di coloro che lottano per i diritti ...
luca grillandini . 28 Marzo 2020
Silvana Grippi . 28 Marzo 2020
Stiamo perdendo i giorni ma non la speranza. Ce la faremo! 

Galleria DEA su YouTube