DEApress

Friday
Jun 05th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ezio Bosso, l'elfo della musica

E-mail Stampa PDF

IMG 0892

Se n’è andato improvvisamente stanotte il fragile e potentissimo elfo della musica classica. Sapevamo della sua malattia, ma ci aveva abituato all’idea della resistenza assoluta con quella sua risata fragorosa, il sorriso benevolo, l’entusiasmo che non ha perso neanche quando ha deciso di non suonare più perché, diceva, due dita non gli permettevano di farlo come pretendeva il suo rigore.

Ha proseguito il suo lavoro di compositore e direttore d’orchestra, mediando ovunque l’amore assoluto per la musica che lo fece scappare da casa a 16 anni, quando decise di non rassegnarsi all’idea che un figlio di operaio debba necessariamente diventare operaio.

Un sogno rincorso, vissuto, interrotto per breve tempo quando gli fu diagnosticata una malattia neurodegenerativa dopo un intervento per un tumore al cervello, nel 2011. La musica, poi, gli aveva nuovamente ricordato quanto fosse ribelle alla rassegnazione, e quanto avesse lavorato con sacrificio e disciplina. Il sacrificio e la disciplina erano per lui doti ineludibili per fare musica, riteneva l’orchestra la società ideale in cui la meritocrazia impera, rendendo ogni strumento responsabile per competenza, ognuno indispensabile e mai competitivo.

È stato un grande artista, ha suonato e diretto nei più grandi teatri del mondo, ma di lui affascinava il suo modo di essere uomo, musicista, poeta, compagno di lavoro, divulgatore, nel suo sorriso la potenza era sovrumana. La sua semplicità lo avvicinava a chiunque e lui sapeva benevolmente approfittarne per avvicinare chiunque all’amore della sua vita, per condividerlo.

Si trasfigurava quando parlava di musica, quando dirigeva, quando suonava. Era sempre uno spettacolo potente e dolcissimo, guardarloammaliava anche chi, come me, non possedeva una vera cultura musicale. Molto ha amato e molto è stato amato e, per questo, voglio ricordare una poesia di Emily Dickinson:

Chi è amato non conosce morte,

perché l’amore è immortalità,

o meglio, è sostanza divina.

Chi ama non conosce morte,

perché l’amore fa rinascere la vita

nella divinità.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 05 Giugno 2020
Questa mattina ho fatto alcune interviste ai commercianti del mercato di S. Lorenzo. Ecco le testimonianze  NERBONE  è un'attività alimentare di lampredotto, conosciuto grazie alle guide in tutto il mondo. Questo centro è nato nel 1872 den...
Silvana Grippi . 04 Giugno 2020
 Centro socio-culturale D.E.ADidattica-Espressione-Ambiente Via Alfani 16/r Firenze - orario: 10,00 /13,00 – 16,00/19,00 organizza Dal 1 giugno  al  30 agosto  2020 "Libera l'idea" “ Difendiamo la cultura e le sue risorse...
Silvana Grippi . 04 Giugno 2020
DEA iniziative dal 2010 - Pubblicazioni DEA - Okkio ai Muri - Anno XXI n. 1/2 - Gennaio/Febbraio - Opinionista da 20 anni  - Anno XXI n. 3/4 - Marzo/Aprile  - 20 anni di LIBERA ESPRESSIONE - Anno XXI  n. 5/6 - Mag...
Silvana Grippi . 04 Giugno 2020
DEA 2000 -  Pubblicazioni - Fanzine internazionale 1999 - Marzo - presentazione con mostra collettiva - DEA tracce - Anno XII - n. 8/11 -  Progetti 1) Mostre di documentazione fotografiche e grafiche su: a. Geografia umana b. luoghi e...
Silvana Grippi . 04 Giugno 2020
    La DEA (Didattica-Espressione-Ambiente) inizia l'attività il 25 settembre del 1987 in via delle Seggiole 4/8 r con l'intento di collocarsi come struttura creativa, alternativa, stimolo e condivisione verso tutti coloro che hanno ...
DEApress . 04 Giugno 2020
Manifestazione Rom al comune di Firenze         
DEApress . 04 Giugno 2020
    3 giugno 2020 - La manifestazione si è svolta in modo egregio, Sono morti circa 40 giovani  infermieri e chiediamo l'igenizzazione di tutti i luoghi di lavoro e tampone obbligatorio e gratuito per tutti.  
DEApress . 04 Giugno 2020
    Il cinque di giugno, dalle ore 11:30 alle ore 19:30, riapriranno al pubblico i Musei Civici di San Gimignano con la possibilità di visitare, ad eccezione dei mercoledì e giovedì, il Palazzo Pubblico, la Pinacoteca e la Torre Grossa....
DEApress . 04 Giugno 2020
Festival delle Colline, confermata l’edizione 2020 Spettacoli a Poggio a Caiano, Prato e CarmignanoIngresso libero nel rispetto delle disposizioni per l’emergenza coronavirus Il Festival delle Colline si farà. La storica kermesse organizzata d...

Galleria DEA su YouTube