DEApress

Wednesday
Jun 29th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tiberio Ferracane: l'eleganza della sua "Magaria"

E-mail Stampa PDF

Tiberio Ferracane
"Magaria"

Cover Ferracane 2

Ascolta "Magaria" on Spotify

Eleganza, viaggi di un altrove che non è solo questione di geografia ma anche di tempo, di ricordi... un disco pregno di un modo francese e americano allo stesso tempo, di quello storytelling prezioso e figurativo, di questa voce roca di fumo e di riflessione, di beat generation a volte ma anche di una distesa primaverile a due passi dal mare. Tiberio Ferracane pubblica un bellissimo disco come "Magaria", disco di vita e di nostalgia dentro cui riprendere le fila del tempo e farne un prezioso ricamo con cui guardar detro la propria esistenza. E sottolineiamo anche che questo rivivere a ritrovo la propria vita, senza mai smettere di guardar dentro il tempo presente, è anche una storia che passa dentro grandi classici, non solo inediti: Ferracane ci regala anche canzoni immortali riviste e codificate dalla sua voce. Su tutte, ad aprire e chiudere il disco, melodie e scritture dell'artista marsigliese Philippe Troisi recentemente scomparso a cui tutto il lavoro è dedicato.

Tornano gli inediti di Tiberio Ferracane. Un disco di vita… quanto e come la pandemia l’ha ispirato? Tantissime cose nascono dalle distanze…
La pandemia mi ha dato il tempo, come a molti dei miei colleghi, di andare a riprendere le cose lasciate in sospeso, in fondo era il momento giusto. Era il momento a cui pensavo da tempo. Le distanze sono state il motore di questo lavoro. Le rotte percorse dai miei nonni, per andare ai miei genitori, per tornare a me, per aspettare, come si aspetta un treno, un aereo …un amico o il tuo amore in un bar del centro.

E poi si torna spesso alle piccolissime cose. E troppo spesso ci rendiamo conto che queste portano con sé il vero significato. E molto penso ci sia di questo nel disco… vero?
Si, dopo tanto girovagare, si torna a casa, anzi ci si ferma e si osserva tutto quel mondo che hai lasciato per un po’ e pensi che casa sono le persone che l’abitano, persino i suppellettili i vecchi mobili, i quadri e la memoria fa il suo mestiere e sai che hai una storia da raccontare e io scrivo canzoni per raccontare. Le piccolissime cose che animano e fanno agitare i tuoi sonni e scattare l’interruttore della creatività.

I grandi classici con cui hai colorato la tracklist di inediti. Come li hai scelti? Alcuni sono davvero “antichi”…
In effetti volevo una colonna sonora al mio disco, tante canzoni arrivavano dal passato come cornice perfetta al mio racconto fatto di canzoni e memoria. Oh si! Orgogliosamente “Antichi”! “Un ‘ora sola ti vorrei” è del 1938, sembra una canzone scritta ieri sia per la musica che per il testo. “U’pisci spada” del 1961.
“L’italien” poco conosciuta in Italia di Serge Reggiani, italiano naturalizzato francese, in Francia è un vero inno per gli immigrati e non solo italiani.

E cosa ti ha portato il riscoprirli? In qualche modo cantare queste canzoni ti ha regalato una nuova chiave di lettura?
Sai in questi anni di silenzio creativo, il mio ultimo disco di inediti risale a 10 anni fa, mi sono appassionato al canto, all’interpretazione e alla storia della canzone. Così ho messo su spettacoli come “Ritratti d’Autore” percorsi monotematici su quelli che io ritenevo i grandi della canzone italiana e non solo: Domenico Modugno, Giorgio Calabrese, Luigi Tenco e molti altri. O percorsi storici della canzone e i fatti più significativi della storia italiana.
Indubbiamente l’interpretazione di questi brani e di molti altri che sono andato ad interpretare mi hanno fatto crescere e dato molteplici chiavi di lettura delle canzoni e del modo di affrontare i miei brani.

E questa “Magaria” che tanto canti… somiglia per caso alla magia della vita che stai ancora vivendo?
“Magaria” è una parola viva, potente, magica dipende dal contesto: Incanto e fattura, il bianco e il nero, la notte e il giorno. È come la vita, di tutti noi!

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 06 Giugno 2022 16:29 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 29 Giugno 2022
5 per mille al Centro D.E.A.   Cari soci, amici, lettori e conoscenti, prendete nota del nostro codice fiscale: 03938570482 da indicare per la destinazionedel 5 per MILLE. Ci aiutererete a fare progetti di solidarietà e partecipazione.Ser...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
Riceviamo e pubblichiamo: "COMUNICATO STAMPA: 1 luglio 2022 secondo SCIOPERO del personale in APPALTO di Archivio Storico e Biblioteche del Comune di Firenze Firenze: Secondo sciopero generale per le lavoratrici e i lavoratori in appalto dell’Arc...
Silvana Grippi . 28 Giugno 2022
Riceviamo e pubblichiamo La vita di Giorgio La Pira in una biografia pubblicata dalla Firenze University PressIl 30 giugno in Via Laura la presentazione del volume edito dalla casa editrice di Unifia cura di Giovanni Spinoso e Claudio Turrini Propo...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
Giornata di lotta e musica alla GKN                                                    Articolo di  Massimil...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
In preparazione catalogo pubblicazioni DEA dal 1991  
Silvana Grippi . 28 Giugno 2022
  Giovedì 30 giugno, alle ore 17, presso MAD Murate Art District in piazza delle Murate a Firenze si terrà la presentazione e proiezione in anteprima assoluta del film: I MAESTRI DELL’ ARCHITETTURA E DEL DESIGN: ENZO ZACCHIROLIdi ...
Silvana Grippi . 27 Giugno 2022
Rubrica Schegge - di Samira Sharfeddin     Maria Nikiriforova nasce nel 1885 a Alexandrovsk in Ucraina (oggi Zaporizhia). All'età di 16 anni inizia la militanza nei circoli anarco-comunisti della zona. Nel 1906 viene con...

Galleria DEA su YouTube