DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tratta e sfruttamento: raddoppiano i minori

E-mail Stampa PDF

 

“Quello della tratta è un fenomeno drammaticamente presente nella nostra società del benessere ma si tratta di una realtà che negli ultimi anni è molto cambiata, si tratta di un fenomeno sempre più multi target, multi luogo e multi problema”.

Queste sono le parole di Vincenzo Castelli, responsabile dell’associazione On the Road che si occupa di tratta di esseri umani e violenza di genere in Italia.

Se il primo gruppo etnico rimangono infatti le donne nigeriane, sempre di più sono le donne che arrivano dai paesi dell’Est. Le nuove rotte, oltre a quella ben consolidata del Mediterraneo, infatti, coinvolgono i Balcani e il Montenegro, ma c’è anche chi arriva dall’America Latina passando per la Spagna e il Portogallo.

“Il problema della tratta racchiude in sé sempre più problemi interconnessi: sono molte per esempio le donne costrette a prostituirsi dopo aver fatto richiesta di asilo politico– spiega Castelli -. In questo momento di emergenza sbarchi, infatti, è sempre più facile che le vittime cadano in mano alla criminalità, perché i controlli sono sempre meno e i centri  per l’accoglienza sono super affollati. Non è raro quindi trovare per strada donne inserite nei progetti Sprar”.

L’altro aspetto allarmante è quello dei minori.“Sono raddoppiati – aggiunge il presidente di On the road –si tratta di ragazzi nigeriani e romeni, per lo più.

La loro percentuale è passata dal 7% al 13-15% del totale delle presenze in strada”. Anche in questo caso, molti arrivano a Lampedusa e da lì vengono poi portati sulle strade dai loro sfruttatori, soprattutto per scopi di sfruttamento sessuale.

Altro tema ancora poco affrontato è quello della tratta per lo sfruttamento lavorativo e l’accattonaggio. Infatti, sempre più persone, soprattutto dall’Africa, arrivano qui per lavorare e finiscono nelle reti del caporalato e dello sfruttamento. Un tema ancora poco affrontato a causa della mancanza di occasioni di impiego per gli immigrati, che fa si che questo problema sia in qualche modo “giustificato” dall’opinione pubblica, ma in realtà è una questione di cui il Ministero del Lavoro dovrebbe occuparsi, prima che diventi un’emergenza sociale.

Nora Mulè

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 30 Settembre 2014 12:39 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube