DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Addio obbligo cognome paterno, primo sì dell'Aula

E-mail Stampa PDF

La camera approva la proposta di legge che abolisce l’obbligo del cognome paterno per i figli e introduce la libertà di scelta per i genitori.

alt

 

Il 24 settembre 2014 la camera dei deputati ha approvato la legge con 239 voti a favore, 92 contrari e 69 astenuti. Il voto è avvenuto a scrutinio segreto richiesto da Forza Italia, Nuovo centrodestra, Fratelli d’Italia e Gal. Successivamente il disegno di legge passerà al senato. La proposta di legge adegua l’ordinamento italiano a quello degli altri paesi europei come stabilito dalla sentenza della corte europea dei diritti dell’uomo del 7 gennaio del 2014.

In quella data infatti la corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo aveva condannato l’Italia perché non permette ai genitori di registrare i figli all’anagrafe con il solo cognome della madre. Nella sentenza i giudici affermavano che l’Italia deve “adottare riforme” legislative per rimediare alla violazione.

 

Ecco cosa prevede la legge : i figli potranno avere il cognome del padre o della madre o quello di entrambi i genitori. I genitori avranno la facoltà di scegliere. Se però non trovano un accordo, il figlio avrà il cognome di entrambi in ordine alfabetico. Questa regola si applica anche ai figli nati fuori del matrimonio e riconosciuti dai due genitori e anche in caso di riconoscimento tardivo da parte di uno dei genitori.

Anche per i figli adottati varrà la stessa regola.

Va’ specificato però che le nuove norme non entreranno subito in vigore. Il governo dovrà adottare entro un anno dall’approvazione della legge un regolamento che adeguerà l’ordinamento dello stato civile. In attesa del regolamento, sarà però possibile aggiungere il cognome materno a quello paterno, se i genitori sono d’accordo.

 

Isabella Pugliese/ tirocinante dell'Università degli Studi di Firenze presso DEApress

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 30 Settembre 2014 14:29 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube