DEApress

Tuesday
Nov 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Guerra di Guerre - Daesh e i Kurdi

E-mail Stampa PDF

79119616_n.jpgfoto di silvana grippi

Da un po' di tempo i leader politici internazionali hanno iniziato a riferirsi all'ISIS con l'acronimo "Daesh", designante il nome arabo dello stato islamico e odiato da quest'ultimo per le connotazioni dispregiative che può assumere se coniugato in un certo modo. Fatto sta che quando parliamo della situazione in cui si trovavano città come Mosul e Raqqa ancora pochi mesi addietro, non possiamo non parlare di Daesh.

La regione mediorientale ha vissuto per anni in una condizione paradossale, caratterizzata da guerre che si susseguivano l'una dopo l'altra, non solo a causa dell'organizzazione terrorista ma anche per colpa della comunità internazionale. Questa, infatti, ridistribuiva le armi usate nella guerra contro Daesh nelle zone abitate dal popolo kurdo, incurante del fatto che armare ulteriormente i Peshmerga (le milizie del Kurdistan iracheno) potesse incoraggiare i leader politici kurdi a riaprire i conflitti tra le loro fazioni e tra queste e il governo iracheno. Basta ricordare la chiusura ai voli internazionali negli aeroporti di Erbil e Sulaymaniya o l'invio delle truppe irachene a Kirkuk per riprendersi il controllo sul territorio e le risorse petrolifere.

Dopo il sacrificio di migliaia di Peshmerga e soldati iracheni per liberare le loro terre da Daesh, mentre centinaia di migliaia di sfollati aspettavano di ritornare nelle proprie case, insomma, nel momento più proficuo per una riconciliazione, gli investimenti della comunità internazionale per il riarmo hanno portato inevitabilmente a nuove guerre. Ma l'Occidene non poteva sospettare niente del genere, a causa di una propaganda che demonizzava il solo Daesh e che celava le atroci azioni degli altri stati: l'Iran aveva deciso che la «sunnita» Mosul poteva essere liberata distruggendo metà dei suoi edifici, uccidendo 40mila civili innocenti; il governo iracheno era riuscito a non far trapelare troppe informazioni sui crimini di guerra commessi dalle sue forze speciali e dalle milizie sciite nelle aree "liberate"; i giornalisti scomodi sono dovuti fuggire o sono stati uccisi.

Perciò in Occidente si pensa che i combattenti di Daesh fossero gli unici a sgozzare civili e a violentare le donne. No, purtroppo non sono stati i soli, nonostante la massiccia formazione fornita dai 1500 militari italiani sul terreno ai loro colleghi iracheni. Devono aver dimenticato la lezione sui diritti umani.

Nessun appoggio purtroppo alle milizie kurde, che hanno opposto resistenza e lottato con i volontari delle truppe internazionali per proteggere la gente comune anche a costo della loro vita. Onore ai morti per la libertà!

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 26 Luglio 2019 19:59 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 19 Novembre 2019
CRONACHE DALLA SHOAH FILASTROCCHE DELLA NERA LUCE DI GIUSEPPE MANFRIDI CON MANUELE MORGESE MUSICA DAL VIVO (TROMBA E PIANO-JAZZ)REGIA LIVIO GALASSI COLLABORATORE ALLA REGIA MANUELE MORGESE TEATRO GRAZIA DELEDDA MERCOLEDÌ, 20 NO...
DEApress . 19 Novembre 2019
DEApress . 19 Novembre 2019
Dialoghi leopardiani, sulla soglia dell’infinito 21 novembre 2019 – 14 maggio 2020 Sala Ferri, Palazzo Strozzi, h 17.30     In occasione del bicentenario della stesura de L'infinito il Gabinetto Vieusseux festeggia con un c...
DEApress . 18 Novembre 2019
  Paulo Freire divenne un educatore riconosciuto mondialmente per il lavoro d’alfabetizzazione degli adulti che si è successivamente consolidato come pratica e filosofia di un'educazione liberatoria. La sua proposta di alfabetizzazione partiv...
Silvana Grippi . 18 Novembre 2019
......
Silvana Grippi . 16 Novembre 2019
  In preparazione premiazione 30 novembre 2019   https://www.deapress.com/new-media/24024-festival-mediamix-2019-.html
DEApress . 16 Novembre 2019
                                                                     &...
Silvana Grippi . 16 Novembre 2019
Dal diario di viaggio di Silvana Grippi:Nord Africa:Algeria - “Durante il mio primo viaggio, sono stata temprata da una tempesta di sabbia. La difficoltà nell’attraversare le dune mi hanno fatto capire quanti sacrifici sono necessari per vedere luogh...
Silvio Terenzi . 15 Novembre 2019
Paola Massoni“ALKEMÈLIA” “Io credo in te” - Official HD È andato di scena lo scorso 9 Novembre all’Auditorium San Romano di Lucca il primo grande concerto di presentazione di questo primo disco di inediti firmato dalla cantante lirica Paola Masso...

Galleria DEA su YouTube