DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Stereotipi e violenza di genere

E-mail Stampa PDF

pride_viareggio.jpgStereotipi e violenza di genere: colpa dei giornalisti?

In riferimento al tema del controverso rapporto tra stereotipi di genere e media, è giusto interrogarsi sulla responsabilità dei giornalisti nella definizione di genere femminile e nella trattazione di un argomento delicato come quello della violenza di genere.

A mio parere, i media italiani alimentano gli stereotipi che ancora circondano l’immagine della donna nella società. Se si vuole che i media non contribuiscano a perpetuare gli stereotipi culturali di cui si nutre la violenza di genere, quali cambiamenti di linguaggio sono necessari?

Per cercare di rispondere a questa domanda ho valutato varie ipotesi, riferendomi in gran parte al seminario “Comunicazione e violenza di genere” tenutosi nel mese di dicembre 2013, promosso dal comune di Ferrara e dal Centro Donna Giustizia e Udi di Ferrara.

A Ferrara, per parlare del rapporto tra media e violenza di genere, sono intervenute tre giornaliste: Francesca Barzini, giornalista del Tg3 e coautrice di Presa Diretta; Giovanna Pezzuoli del Corriere della Sera e del relativo blog al femminile la 27° ora, e Serena Bersani, presidente dell’associazione Stampa dell’Emilia-Romagna Aser-Fnsi e appartenente alla rete nazionale Gi.U.Li.A (giornaliste unite libere autonome).

Uno dei punti trattati durante il convegno e, forse, uno dei più importanti, è quello del linguaggio da utilizzare per riferirsi a una donna: bisogna usare i termini giusti, perché tutte le parole al maschile possono essere declinate al femminile, specialmente per quanto riguarda le professioni. E così il sindaco diventa la sindaca, l’assessore l’assessora, il presidente la presidente, il direttore la direttrice, il ministro la ministra.

"Donne, grammatica e media", presentato in questi giorni alla Camera dei deputati e promosso dalla presidente Laura Boldrini, affronta proprio quest’argomento. "L'uso del linguaggio è una scelta politica - ha detto la Boldrini- Non è giusto che donne che svolgono un ruolo non debbano avere un riconoscimento di genere anche nelle parole che le definiscono". La ragione? "È solo perché vengono considerate delle comete. Perché il pensiero comune è che adesso occupano posti che sono stati degli uomini, ma passeranno e tutto tornerà come prima. Non si vuole capire che esattamente se un mestiere è fatto da un uomo si declina al maschile, così se è fatto da una donna si deve declinare al femminile. Ecco perché credo che questo libretto sia utile e necessario".

E come comportarsi quando la violenza sulle donne sfocia in un femminicidio? Non bisogna soffermarsi sui dettagli macabri della tragedia ma scavare più a fondo nella vita dei soggetti coinvolti perché nei casi di femminicidio raramente si tratta di raptus, quanto piuttosto di un percorso graduale nel tempo. Nel caso della violenza contro le donne, il termine “vittima” lancia un messaggio sbagliato, ovvero quello di una donna rassegnata, vittimizzata, sottomessa all’uomo. Al suo posto sarebbe meglio preferire la definizione “donna resa temporaneamente vulnerabile dalla violenza subita”. Per quanto ovviamente sia un paradosso riuscire a inserire una definizione del genere in un articolo, l’auspicio è che i media si impegnino a scardinare questa idea di vittima e concentrino l’attenzione sull’approfondimento delle cause e delle dinamiche di coppia che hanno portato a tale comportamento.

Nora Mulè.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 30 Settembre 2014 12:41 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube