DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ci troviamo nell'epoca d'oro del femminismo?

E-mail Stampa PDF

 

alt

Pervase da un sordo senso di impotenza, ci accingiamo a capire chi siamo. In una strada costellata da ingiustizie e denigrazioni. Troviamo ancora faticosamente il nostro posto nel mondo, che nella maggior parte dei casi non ci viene riconosciuto, o comunque costantemente minacciato.

Ma non abbiamo ancora perso la via. Non parlo di quella verso una casa sicura, una famiglia e un partner, di ma quella verso la nostra identità di donne.

Per come lo intendo io, il femminismo non è estremismo, eccesso o un motivo per schierarsi gli uni contro gli altri. Ma piuttosto la ricerca di un’uguaglianza fra generi, anzi, la visione del genere come qualcosa di secondario e relativo, la ricerca di una quotidianità che dovrebbe spontaneamente fluire in ogni lato società. Ma se questo non accade, è giusto lottare perché avvenga.

Leggevo in questi giorni un articolo pubblicato su un giornale statunitense dove si affermava che attualmente ci troviamo nell’ “Era d’oro del femminismo”, questo perché si sta diffondendo la consapevolezza di cosa significhi per uomini e donne avere le stesse opportunità.

L’affermazione veniva giustificata con il nuovo interesse da parte di star dello show business e dei media globali verso questa tematica.

L’attenzione di star internazionali, (come ad esempio Beyoncè) che hanno fatto del femminismo un punto forte della loro immagine, la creazione di iniziative sui social network con risonanza globale come “This is what a feminist looks like” (tradotto: ecco che aspetto ha una femminista) o la nuova consapevolezza che giovani donne sembrano ostentare, sono davvero sufficienti per sancire l’apertura di una nuova era per il femminismo?

In senso teorico si, perché il permeare di un’ideale femminista anche nella cultura popolare è senza dubbio un aspetto importante e determinante. Ma in senso pratico l’uguaglianza fra generi non è così radicata come pensiamo. Basta osservare la cultura islamica dove la visione dei ruoli sociali è senza dubbio impostata sul dominio dell’uomo sulla donna, la quale gode di pochissimi diritti.

Basta pensare a paesi come l’India, dove lo stupro è praticato selvaggiamente e raramente condannato, basta pensare a soprusi compiuti in quasi tutta l’Africa durante le guerre su donne innocenti. Basta pensare ai femminicidi compiuti a casa nostra, in Italia. E la lista degli esempi è purtroppo lunghissima.

Siamo tutti bravi a condividere link sui social network e a ostentare femminismo, ma siamo sicuri che questo basti per considerare istillato nelle persone un sentimento puro e genuino?

La mia risposta è che c’è ancora molto da lavorare su questo fronte, molto da lottare.

In ogni continente, in ogni nazione, in ogni paese, in ogni piazza, in ogni scuola.

Perché si, una cultura di parità di genere deve partire dall’informazione, dalla partecipazione e dall’educazione, specialmente scolastica.

Affermare che il futuro è adesso e che non c’è più bisogno di lottare significa accettare lo stato delle cose attuali e rinunciare al cambiamento.

Nora Mulè

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 30 Settembre 2014 12:38 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube