DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La vittoria di Farkhunda, massacrata in nome del Corano

E-mail Stampa PDF
 afghanistan-60641 1280
Farkhunda è una ragazza afghana che la settimana scorsa è stata uccisa da una folla di persone che l’accusava di aver bruciato alcune pagine del Corano.
La legge islamica in alcuni paesi prevede che chi oltraggia il Corano possa essere processato e condannato a morte. 
L’Afghanistan, dopo anni passati sotto il dominio talebano, sembra per tanti versi continuare a prediligere interpretazioni feroci della legge islamica, rinnegando i naturali diritti della sua gente.
Il caso di Farkhunda è terribile, disgustoso, primordiale, inumano.
Una ragazza di 27 anni, che studiava per diventare insegnante, viene accusata ingiustamente per un oltraggio che non ha compiuto: massacrata di botte dalla folla e il suo corpo bruciato, sotto gli occhi impassibili delle forze di polizia.
L’esecuzione pubblica di Farkhunda non è una sconfitta solo per le donne, ma anche per la cultura, per l’istruzione, per la legge, per la giustizia, per la religione.
In quanto donna però, le sue pene sono aggravate: non gli è stato concesso nemmeno un processo, come di solito avviene prima di una condanna a morte e il fatto di essere istruita è stato probabilmente un aggravante: indegna di poter esprimere la sua opinione, indegna perfino di parlare.
Ma una vittoria Farkhunda l’ha avuta. Durante il suo funerale, il suo feretro è stato trasportato da un gruppo di sole donne, attiviste per i diritti femminili.
Questa storia sarà presto dimenticata e nessuno si ricorderà nemmeno il nome di Farkhunda, ma probabilmente non sarà stato tutto vano. 
Quel gruppo di donne acquisterà forza in ricordo del suo sacrificio e anche altre donne del paese lo faranno. E forse anche altre donne in tutta Kabul. E forse alcune in tutto l‘Afghanistan.
Forse la sconfitta si trasformerà in una piccola vittoria per tutte le donne che subiscono ingiustizie nel mondo, e forse così, non sarà stato tutto solo un abominio.
Nora Mulè

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 26 Marzo 2015 10:41 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube