DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'Irlanda dice si ai matrimoni gay

E-mail Stampa PDF

alt

 

Il 62 percento degli irlandesi ha detto si ai matrimoni fra persone dello stesso sesso.

Un passo in avanti incredibile per una nazione con una forte radice cattolica e che ha depenalizzato l’omosessualità solo nel 1993.

22 anni dopo l’Irlanda sancisce la sua svolta definita verso la modernità e verso una società civile più egalitaria. Questo  cambiamento di rotta è  sicuramente  il risultato di decenni di crisi della chiesa cattolica irlandese, segnata dallo scandalo dei casi di pedofilia che coinvolse preti e vescovi Irlandesi,  aggravato dall’insabbiamento da parte del Vaticano.

Ma soprattutto, l’apertura ai matrimoni gay, testimonia un cambiamento nelle coscienze individuali e una nuova sensibilità sul tema.

Con il risultato positivo del referendum in Irlanda, salgono a 14 i paesi europei nei quali effettivamente le persone dello stesso sesso possono convolare a nozze e avere gli stessi diritti di una coppia eterosessuale. Gli effetti a livello legislativo di questo referendum però, si potranno vedere solo verso settembre quando il governo irlandese introdurrà nella costituzione una nuova legge, il “Marriage Bill”, sancendo così che l’omosessualità non è più un impedimento per il matrimonio.

L’arcivescovo di Dublino nel commentare la notizia ha affermato che l’Irlanda sta affrontando  “una rivoluzione sociale e la chiesa ha un enorme compito davanti a se”.

La scia di cambiamento sembra lentamente investire l’Europa intera, anche i paesi che erano considerati più ostici come appunto l’Irlanda, aspettiamo adesso con impazienza l’annunciato adeguamento italiano a questa tendenza.

Nora Mulè

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario. Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci dell’alb...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/
DEApress . 18 Novembre 2020
Riesplode in conflitto tra il Polisario e il Marocco. La situazione dopo l'interuzione del "cessate il fuoco" è in continua evoluzione. La redazione attende notizie!

Galleria DEA su YouTube